Jessie Boswell

Andare in basso

Jessie Boswell

Messaggio  Erica il Ven Mag 01, 2009 10:36 am



Fino al 10 maggio 2009, a Torino, si può visitare una piccola, preziosa esposizione di dipinti e disegni di Jessie Boswell, l'artista inglese che con Chessa, Levi, Galante, Mencio e Paolucci costituì il Gruppo torinese dei Sei, unito dall’amore per il fare pittorico, che innalzò il dilettantismo a caratteristica nobile, a mestiere.

Jessie Boswell espose alle Biennali 1924, 1926 e 1928, con una personale traiettoria formativa che la portò lontano dai circoli accademici del tempo. La sua personale visione, figlia dalla cultura visiva inglese, si esprimeva in scene d'interni intime e discrete, e un senso della natura e dei paesaggi che si esprimeva con robuste pennellate e accostamenti luminosi e cromatici.

I dipinti sono presentati in sequenze cronologiche che aiutano lo spettatore a individuare i diversi periodi del percorso di ricerca. Si osservano dunque dapprima le opere precedenti all’incontro con il Gruppo dei Sei: interni, nature morte, figure sullo sfondo di paesaggi, vedute e scorci delle colline intorno a Cereseto, dove Boswell soggiornò presso i coniugi Gualino. Dipinti di notevole maturità sono quelli realizzati tra il 1928 e il 1942, anni nei quali l’artista trova nell’interiorità la strada dell’empatia con un mondo fatto di piccole cose, ideato con istinto più che con razionalità, come afferma lei stessa.

Chiudono la rassegna i lavori dei suoi ultimi anni, caratterizzati dal ritorno a una vita solitaria sulle colline di Biella, e alcuni dipinti di artisti coevi a lei legati, quali Mario Micheletti, Felice Casorati, Cesarina Gualino, Gigi Chessa.


Dal 17 marzo al 10 maggio 2009
Jessie Boswell a cura di Ivana Mulatero
Sala Bolaffi
Via Cavour, 17 - 10123 Torino
Orari: da martedì a domenica ore 10-19

Ingresso libero

Info: tel. 011 5576300; www.bolaffi.it
avatar
Erica


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum