John Dowland

Andare in basso

John Dowland

Messaggio  dowland58 il Mer Giu 25, 2008 6:58 am

Oggi, qualche pezzo
dedicato a John Dowland
(1563-1526).
Quasi-perfetto coetaneo di
Wiliam Shackespeare, il
più grande liutista dell'età
d'oro Elisabettiana.

Il più grande liutista del
periodo, forse il più grande
liutista rinascimentale
(con Francesco da Milano),

Mai assunto come liutista
di corte da Elisabetta I
(forse perchè cattolico?
Forse semplicemente per
il carattere ostico?),
spinto quindi a girare le corti
di mezza europa
(è in Francia da giovane, poi
a Roma per conoscere la musica
di Luca Marenzio, dove forse incontra
liutisti del calibro di Lorenzino,
poi per qualche anno alla corte
di Cristiano IV di Danimarca)
deve a questo girovagare
il carattere "europeo" della sua musica,
e nello stesso tempo la sua musica
viene conosciuta e ricopiata in numerosi
manoscritti.

E' l'unico liutista inglese a scrivere
fantasie per liuto (sul modello italiano),
accanto alle variazioni su ground (basso
ostinato), alle variazioni di temi popolari
e alle danze (alemanne, gagliarde e pavane)
tipiche invece del repertorio inglese.

Pubblica 4 libri di canzoni che possono
realizzate da 4 voci, o da 4 voci con il
liuto. Pubblica un raccolta di pezzi di
liuto di vari autori (heritage dei suoi
viaggi e contatti) sotto il nome del
figlio Robert (A varietie of lute lessons),
la notissima serie di pavane per consort
di viole e liuto Lachrimae, ma
paradossalmente nessuno dei suoi
oltre 100 pezzi di liuto. Questi esistono
solo sotto forma di manoscritti,
che registrano più varianti dello stesso
pezzo, testimoniando il carattere
spesso improvvisativo degli stessi.

Dowland è stato spesso suonato sulla
chitarra (con la chitarra, basta abbassare
di un semitono il Sol e poi seguire
l'intavolatura)

L'intavolatura: metodo geniale col
quale veniva segnata su un esagramma
la posizione delle suonare su ogni corda,
con una indicazione sovrastante del ritmo.

Qui, Nigel North. Suona un liuto a 10 cori.
In realtà, quasi tutto Dowland è suonabile
su liuto a 6 o 7 cori, pochissimi necessitano
di 8 cori. Ma Nigel è liutista barocco (13c)
e quindi quando suona Dowland, preferisce la
risonanza del 10 cori
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Mer Giu 25, 2008 8:56 am

John Dowland-Sir John Smith, his almain

Questo pezzo fa parte di
un nutrito gruppo dedicato
a personaggi del tempo.
Questo John Smith dovrebbe
essere l'esploratore inglese
di Pocahontas

Personalmente, non amo Dowland
trascritto per chitarra, anche se
probabilmente si deve ai chitarristi
la riscoperta della sua musica
Qui, sempre

John Dowland: Sir John Smith His Almain
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  Erica il Mer Giu 25, 2008 11:21 am

avatar
Erica


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Mer Giu 25, 2008 11:46 am

Erica ha scritto:Mi è piaciuto:

John Dowland - I saw my lady weep

Sapevo che avresti messo
una canzone...
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Mer Giu 25, 2008 11:57 am

Can she excuse my wrongs

Pezzo stupendo (magari
un pò troppo enfatico
qui.

Dowland la scrisse
come canzone (qui è voce sola+liuto,
ma potrebbe essere realizzata anche
a 4 voci con o senza liuto), come
pezzo per liuto solo (due versioni,
The Earl of essex, his galliard e Can she excuse), e per consort
di viole
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Gio Giu 26, 2008 6:22 am

Una versione un pò sauvage
di John Dowland-Fortune
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Gio Giu 26, 2008 6:34 am

The most Sacred Queen Elizabeth,
her Galliard
[P41]


Ancora un pezzo suonato
dall'amico Valery
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Gio Giu 26, 2008 6:43 am

John Dowland- The Right Honourable Earl of Essex, His Galliard

E allora, la gagliarda
dedicata al Conte di Essex,
prima favorito della regina,
poi orditore di trame e quindi
condannato a morte per
tradimento
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Ven Giu 27, 2008 5:43 am

John Dowland-Preludium [P 98]

Stupendo questo
breve preludio, Poulton 98
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Lun Giu 30, 2008 6:12 am

avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Lun Giu 30, 2008 6:48 am

John Dowland-Goe from my window [P64]

Stupende variazioni di Dowland
su melodia popolare
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Lun Giu 30, 2008 7:29 am

John Dowland-The Frog galliard [P23a]

Questo pezzo presenta
la tipica struttura delle
variazioni su ground
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Gio Lug 03, 2008 5:47 am

John Dowland-Piper's pavan [P8]

Una stupenda pavana
di Dowland.

Pezzo molto malinconico
(la moda della malinconia
era diffusa nel periodo
elisabettiano, lo stesso
Dowland ironizzò sulla
propria, nel pezzo
Semper Dowland, semper
dolens
), che in
qualche modo anticipa
le pavane di Robert
Johnson, musicista di
trapasso verso il liuto
barocco
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Gio Lug 03, 2008 6:27 am

John Dowland-Lachrimae pavan e galliard to Lachrimae

Un medley della pavana Lachrimae
e della sua gagliarda
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  dowland58 il Mar Apr 28, 2009 11:57 am

Un'altra bella versione della
Lachrimae Pavan di John Dowland
avatar
dowland58


Torna in alto Andare in basso

Re: John Dowland

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum